Puigdemont oggi in tribunale in Germania

L’ex presidente della Generalitat catalana è stato fermato domenica mattina nel nord della Germania ed è atteso oggi in tribunale. Proteste in tutta la Catalogna alla notizia dell’arresto.

APTOPIX Belgium Spain Catalonia
Ousted Catalan leader Carles Puigdemont pauses before speaking during a media conference in Brussels on Wednesday, Dec. 6, 2017. Catalan secessionist leader Carles Puigdemont and four close allies addressed the decision by Spain to drop a European arrest warrant against them and assessed the Dec. 21 elections in the Spanish region which will help determine the drive for independence. (AP Photo/Olivier Matthys)

Carles Puigdemont, ex presidente della Generalitat catalana auto-esiliatosi in Belgio dopo il referendum sull’indipendenza, è stato arrestato domenica mattina in un’operazione congiunta della polizia spagnola e tedesca mentre dalla Finlandia tentava di raggiungere il Belgio in macchina. L’arresto fa seguito al mandato di cattura europeo temporaneamente sospeso nei mesi scorsi, e riattivato dalla Corte Suprema spagnola venerdì.

Cosa succede adesso a Puigdemont

Puigdemont si trova al momento in un centro di detenzione nel nord della Germania e dovrà comparire oggi in tribunale, dando così il via all’iter che porterà le autorità della Repubblica Federale tedesca a decidere sull’estradizione dell’ex leader del parlamento catalano. Il tribunale tedesco dovrà valutare, sulla base del proprio codice penale, la validità delle accuse mosse dal governo di Madrid. L’ex presidente del parlamento catalano è accusato di alto tradimento e ribellione, accuse seguite al  pronunciamento della dichiarazione unilaterale d‘indipendenza della Catalogna dopo la vittoria indipendentista al referendum del 1 ottobre.

Per sfuggire all’arresto nel suo Paese, Puigdemont si era rifugiato in Belgio, un paese in cui non solo può contare sull’appoggio degli indipendentisti fiamminghi e di avvocati specializzati in diritto internazionale, ma uno stato che non prevede direttamente il reato di ribellione. Questa particolarità del codice penale belga complicava il processo di estradizione, che presuppone  il riconoscimento del crimine da entrambi i Paesi.

Le cose cambiano in Germania, che ha invece una legislazione in materia molto più simile a quella spagnola, alzando le probabilità che il tribunale tedesco riconosca il crimine e consegni Puigdemont a Madrid.

Le proteste di ieri a Barcellona

Manifestazione Barcellona

Alla notizia dell’arresto di domenica, migliaia di persone sono scese in piazza. Alcune centinaia di manifestati, convocati dai Comitès de Defensa de la República, si sono concentrati di fronte alla sede del governo a Barcellona, altri 55.000 hanno sfilato per il centro della capitale catalana per raggrupparsi di fronte al consolato tedesco. I manifestati sono stati caricati dalla polizia catalana, i Mossos, davanti alla sede del governo di Madrid mentre cercavano di sfondare il cordone di polizia e raggiungere l’edificio. Quasi cento i feriti lievi, 6 gli arresti.

La Spagna è storicamente molto divisa sulla questione catalana in generale, e ovviamente anche sul caso Puigdemont: mentre la fazione indipendentista dichiara la fine della democrazia in Spagna vedendo analogie tra l’attuale processo di repressione del movimento indipendentista e il franchismo, e considerando Puigdemont un prigioniero politico, la fazione opposta vede nell’intervento di Madrid una misura necessaria per conservare l’integrità della Spagna come nazione e per ristabilire la legalità.

fabrizio frizzi basket

Fabrizio Frizzi é morto: amava lo sport e il basket

Frizzi Nuovo Conduttore Eredita

Programmazione Rai per Frizzi: chi sarà conduttore de L’Eredità?