Catiuscia Marini conferma dimissioni da presidenza regione Umbria

Catiuscia Marini ha confermato le proprie dimissioni in seguito all’inchiesta sui concorsi all’ospedale di Perugia nella quale è indagata

catiuscia marini dimissioni

La presidenza della Regione Umbria Catiuscia Marini (PD) ha confermato le sue dimissioni in seguito allo scandalo sanità. La conferma arriva da una lettera inviata alla presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi.

Lo scorso 18 maggio si era tenuta una riunione per approvare un documento della maggioranza che chiedeva alla presidente di ritirare le dimissioni presentate in seguito all’inchiesta sui concorsi all’ospedale di Perugia nella quale lei stessa è indagata. Documento approvato con voto determinante sulle sorti della Marini.

Nella lettera, la presidente Marini parla di “percorso dettato esclusivamente da ragioni istituzionali, di correttezza e di rispetto per tutti i componenti dell’Assemblea, sia di maggioranza, sia di opposizione, e non certo da ragioni personali”.

La missiva si conclude con i ringraziamenti: alla presidente dell’Assemblea legislativa “per la collaborazione istituzionale di questi anni, al servizio delle istituzioni e della comunità regionale”; ai componenti dell’Assemblea legislativa e al personale di Giunta e Consiglio “che in questi 9 anni mi ha supportato con competenza, rigore e professionalità nello svolgimento del mio complesso mandato istituzionale”.

Le dichiarazioni di Catiuscia Marini

“Sto facendo da capro espiatorio per tutta l’Umbria in chiave europea. In base al codice etico del Pd non sarei nemmeno obbligata a lasciare”: aveva detto l’ex governatrice della Regione Umbria in un’intervista al Messaggero in risposta alle polemiche sul no alle proprie dimissioni, votato sabato in aula.

La Marini che il voto di sabato “non era un voto di fiducia” e, in riferimento alla volontà di non essersi astenuta, ha spiegato:

Ho sempre votato in aula tutti gli atti, anche quelli che mi riguardano in prima persona. Potrò tutelare il lavoro che ho fatto in questi anni e l’autorevolezza delle istituzioni che rappresento?. E poi sono al secondo mandato e non mi candiderò più”.

Sui rapporti con Nicola Zingaretti, neo segretario del Partito Democratico, ha chiarito:

Non lo sento dal 2 maggio, lo trova normale? Il commissario che ha nominato, Walter Verini, l’ho visto il 17 aprile e poi basta. E non ha mai convocato gli organismi. Bisognava scegliere una figura fuori dalle dinamiche umbre per gestire il caso. Il problema è che su di me si sono giocate dinamiche congressuali in vista del voto. Possibile che in questi giorni tanti big del mio partito mi abbiano chiamata e Zingaretti mai? Forse è stato consigliato male, non so cosa pensare”.

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.

google_commento_serp

Google sospende accordi Huawei: ecco il motivo

dipendenza_tecnologica

Come combattere la dipendenza tecnologica: cinque consigli utili