Chat: la rivoluzione dei messaggi passa dal protocollo RCS

Big G sospende lo sviluppo di Allo per puntare tutto sul nuovo servizio di messaggistica “Chat”

chat-1873543_1280

Chat è il nuovo servizio di messaggistica supportato da Google. Non si tratta di un’applicazione come le altre ma di un innovativo set di funzioni dedicato ai messaggi.

Big G ha sviluppato, da anni, un protocollo chiamato RCS (Rich Communication Services) in grado di soppiantare il vecchio sistema degli SMS. Non si con precisione, però, perché gli SMS non siano mai stati sostituiti nei nuovi smartphone Android. Complice probabilmente l’esistenza di tantissimi servizi di messaggistica online, gli utenti non hanno mai sentito il bisogno di seguire questa rivoluzione tecnologica. In secondo luogo, gli operatori telefonici non hanno mai voluto abbandonare i messaggi tradizionali volendo, anzi, inserirli nei pacchetti promozionali.

Qualcuno ha mai usato Allo?

L’azienda sita in Mountain View ha già utilizzato il protocollo RCS per lo sviluppo di un applicazione davvero innovativa, Google Allo. Purtroppo questo servizio non è mai decollato e, non avendo riscosso il successo sperato, il progetto è stato presto accantonato. Ma dalle sue ceneri nasce Chat. Non una vera e propria app ma un differente approccio ai messaggi su dispositivi Android.

Google-Android
Fonte: Google (link:Dazeinfo.com)

Come funzionerà Chat?

Il servizio di messaggistica integra una serie di funzioni interessanti: chat di gruppo, avviso di consegna dei messaggi, indicatori di scrittura, condivisione di immagini, video, emoji, GIF, sticker ed anche l’immancabile Google Assistant. Inoltre esiste anche un client web che lavora in maniera simile quello di WhatsApp. Il tutto è reso operativo dalla rete dati. Da qui la necessità che il dispositivo sia collegato a internet affinché Chat possa svolgere il proprio dovere (una pecca non da poco). In aggiunta, Chat non supporta la crittografia end-to-end.

Se mandassi un messaggio a un dipositvo privo di Chat?

Semplice, il messaggio verrà convertito in SMS. Un altro elemento controverso è la scelta di sfruttare, ancora una volta, il vecchio sistema. Gli SMS, senza considerare la breve parentesi degli MMS, sopravvivono sorprendentemente alle nuove tecnologie

Chat ha un altro limite intrinseco: la sua diffusione dipende fortemente dalla volontà dei vari operatori, distribuiti in tutto il mondo, di voler adottare il nuovo protocollo RCS. In realtà tale ostacolo sembra facilmente superabile in quanto diverse aziende, soprattutto in Europa, hanno fatto sapere di essere pronte a questa rivoluzione. Perchè si abbia una buona copertura globale, Google potrebbe impiegare ancora qualche anno. Gli utenti Android dovranno attendere prima di abbandonare definitivamente gli SMS.

Scritto da Giuseppe Bua

Solutore hobbistico di equazioni con limite differenziale ottimizzato alla numerazione

avicii 2

AVICII: storia e brani dell’artista scomparso a 28 anni

bici 1

Bicifestazione 2018: Cos’é e Quando si Svolge