Chi è Cinzia Primatesta, moglie di Antonino Cannavacciuolo

Ecco chi è la moglie di Cannavacciuolo. Cinzia Primatesta è imprenditrice di successo e proviene da una famiglia di ristoratori.

cinzia primatesta cannavacciuolo

Uno dei cuochi più simpatici ed apprezzati d’Italia è senza dubbio Antonino Cannavacciuolo, chef istrionico che ha condotto diversi programmi televisivi come Masterchef Italia, Cucine da Incubo Italia, O Mare Mio ed è comparso in tanti altri programmi. Originario della Penisola Sorrentina, è appassionatissimo di cucina tanto da gestire lo storico ristorante L’Approdo, sul Lago d’Orta in Piemonte e diversi bistrot cittadini, come quelli di Milano e Torino.

Una storia poco nota che riguarda lo chef campano è quella dell’incontro con sua moglie, Cinzia Primatesta, da anni al suo fianco essendo compagna di vita e di lavoro. La famiglia di Cinzia è famosissima nel mondo della ristorazione italiano e lei – prima di occuparsi del mondo gastronomico – era una manager di successo.

cinzia primatesta chi è

I due si conobbero da giovanissimi: entrambi avevano 20-21 anni e Cannavacciuolo era partito dalla sua Campania per essere fare il cuoco stagionale al Lago d’Orta, tra i due fu amore a prima vista e nel 1997 si fidanzarono. Solo due anni dopo presero in gestione L’Approdo, ancora oggi nelle loro mani. Lo stesso chef definì quell’avventura una pazzia. Una pazzia che ancora, però, dà i suoi frutti.

Cinzia Primatesta: figli e di cosa si occupa oggi

La coppia di lungo corso si è sposata nel 2005 ed ha due figli: Andrea di 4 anni ed Elisa di 9 anni. A quanto ha dichiarato Cannavacciuolo in una recente intervista, non è solito cucinare a casa. La moglie ed il figlio sono vegetariani, la quale attitudine ben poco si sposa con la cucina tradizionale dello chef. La figlia Elisa, invece, sembra apprezzare la cucina del padre. Attualmente Cinzia Primatesta gestisce i ristoranti della coppia.

frullato

Frullato bruciagrassi naturale: ecco come prepararlo

cala-coticcio-sardegna

La Sardegna dice sì all’ecologia, nascono le spiagge “plastic free”