La Chiesa deve pagare l’ICI: la sentenza della Corte UE

La sentenza della Corte UE chiede all’Italia di recuperare le somme arretrate e mai riscosse.

chiesa-pagamento-ici-sentenza

Tutti gli enti ecclesiastici operanti sul suolo italiano dovranno pagare l’ICI arretrata del periodo 2006-2011, questa la decisione della Corte di Giustizia UE in merito al ricorso presentato da una scuola elementare di Roma gestita dai Radicali.

Secondo i giudici della Corte, l’Italia è tenuta a recuperare dai 4 ai 5 miliardi di euro di tasse non pagate da enti ecclesiastici come chiese, scuole, ospedali e alberghi. Il provvedimento non vale dal 2012 in quanto l’ICI fu sostituta con l’IMU.

L’Italia ha sempre obiettato che in base ai dati fiscali e catastali in possesso delle amministrazioni pubbliche sarebbe “impossibile” recuperare retroattivamente gli importi da pagare e metterli in esazione. La Corte UE non è d’accordo con questa giustificazione e parla – nella sentenza – di “difficoltà interne” e quindi non dell’assoluta impossibilità di ottenere i pagamenti, come sostenuto dal governo.

Secondo i giudici il ricorso della scuola romana è legittimo perchè l’istituto ricorrente era

“in prossimità immediata di enti ecclesiastici o religiosi che esercitavano attività analoghe” e dunque l’esenzione Ici li poneva “in una situazione concorrenziale sfavorevole (..) e falsata”.

L’esenzione dall’IMU, voluta dal Governo Monti, rimane legittima a norma di legge.

Scritto da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l’Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante

film-Natale-boldi-desica

Film Natale 2018: tutti i cinepanettoni al cinema

coliandro

L’Ispettore Coliandro 7: Trama e Anticipazioni