Cibi pronti e trasformati dannosi per la salute: ecco perchè

alimenti ultratrasformati

Secondo uno studio francese e spagnolo pubblicato su una rivista inglese, gli alimenti ultra-trasformati (AUT) sono da evitare il più possibile, in quanto sono correlati ad un alto rischio di sviluppare malattie.

Gli alimenti ultra-trasformati, vanno evitati totalmente o ridotti sensibilmente, perché aumentano il rischio di infarto e cancro, lo dice uno studio pubblicato sul “British Medical Journal”. Lo studio è stato diretto da due team di esperti, in Spagna e Francia, che hanno avvalorato le ultime scoperte in relazione tra cibi trattati e malattie. Nello specifico la ricerca in questione, prende in esame l’assunzione eccessiva di prodotti con ingredienti industriali e le malattie quali infarto, obesità e cancro.

I 4 gruppi di alimenti e cosa sono gli AUT

Nei supermercati dove abitualmente si vanno a fare gli acquisti quotidiani, gli scaffali sono ormai stracolmi dei prodotti ultra-trasformati. Un gruppo di studio brasiliano con a capo il professor Carlos Monteiro, ha fatto nascere una classificazione degli alimenti, basata sul grado di lavorazione avvenuta. Questa classificazione prende in esame le lavorazioni chimiche e biologiche, che gli alimenti subiscono una volta separati dalla natura e prima della consumazione effettiva. La classificazione si chiama NOVA e si suddivide in 4 gruppi di alimenti:

  • 1° gruppo. Alimenti non trasformati o minimamente trasformati

Cibi freschi sottoposti a processi di conservazione.

  • 2° gruppo. Ingredienti culinari

Oli vegetali, burro, miele, sale marino, lardo utilizzati per preparare pane, pasta, zuppe e brodi, dessert e bevande.

  • 3° gruppo. Alimenti trasformati

Legumi in scatola, carne lavorata o affumicata, pesce in scatola.

  • 4° gruppo. Alimenti ultra–trasformati

Utilizzano sostanze non comunemente usate per cucinare come gli additivi chimici per esaltare il sapore.

Fast carbohydrates food

Negli alimenti ultra-trasformati (AUT), si trovano sostanze estratte dagli alimenti, come caseina, siero del latte, lattosio e glutine. Ci sono anche sostanze dalle quali derivano ulteriori trasformazioni come: le proteine idrolizzate, maltodestrina, zucchero invertito, oli idrogenati ecc. Inoltre nei prodotti ultra-trasformati, si trovano una serie di additivi che includono edulcoranti, aromi, esaltatori di sapidità, ecc. Per non parlare poi dei coadiuvanti tecnologici come anti-agenti agglomeranti, glasuranti, emulsionanti, ecc.

Esiste una stretta relazione tra i cibi ultra-trasformati e le malattie

I prodotti AUT contengono, quindi, una “concentrazione maggiore di sale e zucchero aggiunti e una scarsa quantità di vitamine fibre e micronutrienti”, come viene riportato dagli scienziati che hanno condotto lo studio. Chiarmente questi prodotti, che a volte si fa fatica a chiamare cibi, hanno una minore qualità nutrizionale. Secondo i ricercatori l’assunzione eccessiva di questi articoli che sono, più grassi, più calorici e più zuccherati, oltre ad aumentare il problema dell’obesità, comportano un rischio maggiore per le donne dopo la menopausa, di sviluppare il cancro, specialmente al seno.

A livello statistico, lo studio pubblicato sulla rivista inglese parla chiaro, i ricercatori francesi della “French NutriSanté” dell’università di Parigi, hanno esmanito più di 105 mila soggetti nell’arco di 5 anni. Durante questo periodo di osservazione, hanno notato che ad un aumento del 10% di alimenti AUT si verificava una tendenza  del 12% di sviluppare problemi cardiovascolari, infarto e cancro. Per Mathilde Touvier, ricercatrice del team francese, le autorità sanitarie hanno il dovere di comunicare alle persone l’importanza di evitare il più possibile questi prodotti e di tornare ad un’alimentazione più basilare.

Scritto da Mar&Cielo

Rendere libere le persone attraverso una maggiore consapevolezza grazie alla lettura dei miei articoli

Loredana Lecciso ospite a Porta a Porta

Marco Carta arrestato per furto a Milano

trump_nuova_pettinatura

Donald Trump abbandona il ciuffo: ecco la nuova pettinatura (FOTO)