Cina: polizia utilizza occhiali per il riconoscimento facciale

Nella stazione ferroviaria di Zhengzhou la polizia locale utilizza occhiali con innovativo software per il riconoscimento facciale

Polizia cinese
Fonte: LLVision Technology Co.

La polizia cinese ha appena adottato un nuovo strumento di lotta alla criminalità. Non si tratta di armi ma, più semplicemente, di un paio di occhiali.

Nella stazione ferroviaria di Zhengzhou, una cittadina situata nella provincia di Henan, gli ufficiali hanno cominciato a utilizzare occhiali particolari, con un apposito software per il riconoscimento facciale. Il dispositivo è stato impiegato per la prima volta in occasione dello “chunyun“. Quest’ultimo significa letteralmente “trasporto primaverile” e si riferisce al periodo di viaggio annuale in cui molte persone fanno ritorno nelle città d’origine per festeggiare il Capodanno cinese.

police
Fonte: LLVision Technology Co.

Come è facile immaginare, Il traffico di persone, non solo nella stazione ferroviaria di Zhengzhou ma in tutta la Cina, cresce in maniera considerevole. La polizia necessita, dunque, di strumenti appositi che permettano loro di riconoscere eventuali criminali a piede libero.

Secondo quanto riportato da alcune fonti autorevoli, grazie ai nuovi occhiali, la polizia ferroviaria è riuscita a rintracciare già sette fuggiaschi legati a casi criminali importanti e altri ventisei passeggeri muniti di documenti falsi.

Gli occhiali sono prodotti dall’azienda “LLVision Technology Co.”, con sede a Pechino, e il loro utilizzo è esclusivo delle forze dell’ordine cinese.

Come funzionano i nuovi occhiali?

Fonte: Technocular

Dopo una celere scansione del viso, il software cerca corrispondenze tra i volti ripresi e quelli catalogati nei database. Nello specifico, gli occhiali sarebbero in grado di identificare un volto in appena 100 millisecondi, confrontandolo con una banca dati di 10 mila volti. Risultano molto più efficienti delle solite telecamere in quanto il poliziotto, una volta individuato il sospettato, può immediatamente seguirlo tra la folla e apporre il fermo.

Considerando l’enorme densità demografica, è necessario per il Governo Cinese investire ingenti risorse per la realizzazione di tecnologie di sorveglianza sempre più efficienti. Il programma sicurezza prevede l’installazione, per i prossimi tre anni, di 400 milioni nuove telecamere CCTV video.

La regione dello Xinjiang  è un vero e proprio laboratorio, nel quale vengono testati i nuovi sistemi di spionaggio. In questa regione esiste una minoranza mussulmana, la quale è costantemente monitorata attraverso dispositivi all’avanguardia. Il Governo vorrebbe spingersi fino alla creazione di un database contenente i profili degli oltre 1,3 miliardi di persone che popolano il territorio cinese. Da qui sorge un dubbio: l’obiettivo dichiarato di porre rimedio alla crescente criminalità potrebbe, in realtà, nascondere un secondo fine, ossia quello di controllare in maniera costante i movimenti di tutti, compresi gli onesti cittadini.

 

Scritto da Giuseppe Bua

Solutore hobbistico di equazioni con limite differenziale ottimizzato alla numerazione

Cosa ne pensi?

1 punto
Upvote Downvote

Total votes: 1

Upvotes: 1

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Candidato Picchiato Polizia VIDEO

Candidato avellinese picchiato dalla Polizia in provincia di Salerno (VIDEO)

Chi è Mirkoeilcane

Chi è Mirkoeilcane, testo e video di Stiamo Tutti Bene