DroNet: algoritmo consente ai droni di volare in maniera autonoma

dronet
Fonte: DroNet UZH

DroNet è il nuovo algoritmo che consente ai droni di volare autonomamente per le strade delle città e negli ambienti interni. Nata dalla collaborazione tra il centro nazionale di ricerca NCCR Robotics e l’Università di Zurigo, la tecnologia AI è stata capace di imparare le regole del traffico e adattarsi al movimento di pedoni, ciclisti e automobilisti.

I droni utilizzano generalmente il GPS per orientarsi. Questo sistema risulta efficiente quando il dispositivo naviga ad alta quota. Problemi maggiori sorgono nel momento in cui il volo avviene a bassa quota, in corrispondenza di strade o sentieri affollati.

Dronet, a differenza del GPS, permette al drone di muoversi in modo veloce e sicuro in un ambiente trafficato. Progettato al fine di elaborare due uscite per ogni immagine in ingresso, l’algoritmo permette di riconoscere ostacoli statici e dinamici evitando la collisione.

Fonte: DroNet Ailab RPG

Uno dei ricercatori dell’Università di Zurigo, Davide Scaramuzza, afferma:

“Con questo algoritmo abbiamo fatto un passo avanti verso l’integrazione  dei droni autonomi nella vita di tutti i giorni “

L’AI non necessita di particolari sensori al fine di apprendere le variabili dell’ambiente esterno. Poche semplici camere montate sul dispositivo e il sistema sarà capace di elaborare immediatamente i dati in ingresso per fornire risposte adeguate. Le informazioni immagazzinate derivano dall’osservazione degli spostamenti di auto e biciclette in ambienti urbani.

DroNet osserva e impara dallo spazio che lo circonda, anche qualora questo sia ristretto. Dai test effettuati in ambienti chiusi è emerso che il drone sia in grado di spostarsi lungo stretti corridoi senza urtare oggetti o persone. Semplicemente, una volta identificato l’ostacolo, l’AI sceglie se virare e proseguire il volo oppure, in caso di necessità, frenare improvvisamente.

droni autonomi

DroNet troverebbe largo utilizzo in diversi campi: dalla consegna dei pacchi per le strade affollate della città alle operazioni di soccorso in aree urbane disastrate. Il team di ricercatori appare molto fiducioso ma, allo stesso tempo, tiene a sottolineare quanto lunga sia la strada che ci separa dall’utilizzo in larga scala dei droni autonomi.

Il dottorando Antonio Loquercio, che ha partecipato alle varie fasi del progetto “DroNet”, afferma:

“Molte questioni tecnologiche devono ancora essere superate prima che le applicazioni più ambiziose possano diventare realtà”

 

 

Scritto da Giuseppe Bua

Solutore hobbistico di equazioni con limite differenziale ottimizzato alla numerazione