DroNet: algoritmo consente ai droni di volare in maniera autonoma

dronet
Fonte: DroNet UZH

DroNet è il nuovo algoritmo che consente ai droni di volare autonomamente per le strade delle città e negli ambienti interni. Nata dalla collaborazione tra il centro nazionale di ricerca NCCR Robotics e l’Università di Zurigo, la tecnologia AI è stata capace di imparare le regole del traffico e adattarsi al movimento di pedoni, ciclisti e automobilisti.

I droni utilizzano generalmente il GPS per orientarsi. Questo sistema risulta efficiente quando il dispositivo naviga ad alta quota. Problemi maggiori sorgono nel momento in cui il volo avviene a bassa quota, in corrispondenza di strade o sentieri affollati.

Dronet, a differenza del GPS,  permette al drone di muoversi in modo veloce e sicuro in un ambiente trafficato. Progettato al fine di elaborare due uscite per ogni immagine in ingresso, l’algoritmo permette di riconoscere ostacoli statici e dinamici evitando la collisione.

Fonte: DroNet Ailab RPG

Uno dei ricercatori dell’Università di Zurigo, Davide Scaramuzza, afferma:

“Con questo algoritmo abbiamo fatto un passo avanti verso l’integrazione  dei droni autonomi nella vita di tutti i giorni “

L’AI non necessita di particolari sensori al fine di apprendere le variabili dell’ambiente esterno. Poche semplici camere montate sul dispositivo e il sistema sarà capace di elaborare immediatamente i dati in ingresso per fornire risposte adeguate. Le informazioni immagazzinate derivano dall’osservazione degli spostamenti di auto e biciclette in ambienti urbani.

DroNet osserva e impara dallo spazio che lo circonda, anche qualora questo sia ristretto. Dai test effettuati in ambienti chiusi è emerso che il drone sia in grado di spostarsi lungo stretti corridoi senza urtare oggetti o persone. Semplicemente, una volta identificato l’ostacolo, l’AI sceglie se virare e proseguire il volo oppure, in caso di necessità, frenare improvvisamente.

droni autonomi

DroNet troverebbe largo utilizzo in diversi campi: dalla consegna dei pacchi per le strade affollate della città alle operazioni di soccorso in aree urbane disastrate. Il team di ricercatori appare molto fiducioso ma, allo stesso tempo, tiene a sottolineare quanto lunga sia la strada che ci separa dall’utilizzo in larga scala dei droni autonomi.

Il dottorando Antonio Loquercio, che ha partecipato alle varie fasi del progetto “DroNet”, afferma:

“Molte questioni tecnologiche devono ancora essere superate prima che le applicazioni più ambiziose possano diventare realtà”

 

 

Scritto da Giuseppe Bua

Solutore hobbistico di equazioni con limite differenziale ottimizzato alla numerazione

Intenzioni di Voto

Elezioni Comunali 2018: dove e quando si vota

polizia-francese

Scimmie scappano dallo zoo di Parigi: polizia e veterinari sul posto