Michele Scarponi Morto, il Giro d’Italia gli dedica la Cima del Mortirolo

Michele-Scarponi-morto-ciclista

Il Giro d’Italia 2017 dedica una salita a Michele Scarponi e sarà la celebre salita del Mortirolo ad essere ribattezzata Cima Scarponi. Bellissimo l’omaggio che gli organizzatori della corsa rosa hanno deciso di fare per il ciclista scomparso una decina di giorni fa. La scelta della salita del Mortirolo dedicata a Scarponi non è una scelta casuale.

MORTE MICHELE SCARPONI: LA DEDICA DEL GIRO D’ITALIA

Questa salita, nota in tutto il mondo e rispettata da ogni ciclista, nel 2010 è stata per Michele il trampolino di lancio della sua ultima vittoria al Giro d’Italia, all’Aprica, davanti a Ivan Basso e Vincenzo Nibali. E probabilmente, ricordando quella sua ultima impresa, gli organizzatori del giro hanno deciso di omaggiare Scarponi dedicandogli le rampe celebri e faticose del Mortirolo, lì dove tante imprese ciclistiche sono state scritte.

“Il Giro d’Italia non può dimenticare un grande campione, un grande amico e un grande uomo che avrebbe corso quest’anno la sua dodicesima Corsa Rosa”, scrivono gli organizzatori del Giro, che con grande gioia e fierezza hanno annunciato la decisione di dedicare a Scarponi il Mortirolo. Nel corso degli anni, il giro ha spesso nominato celebri montagne a grandi campioni scomparsi.

GIRO D’ITALIA: DEDICATA ANCHE A COPPI E PANTANI

Ad esempio, la montagna più alta che verrà scalata, da diversi anni è rinominata “Cima Coppi”, mentre la salita più ardua da scalare nel giro è rinominata da diversi anni “Cima Pantani”. Insomma, il Giro d’Italia ha sempre voluto omaggiare i suoi campioni scomparsi in modi simili, quest’anno giusto e doveroso omaggio a Scarponi con il Mortirolo.

Scritto da Marco Costanza

Nato ad Avellino nel 1989, aspirante giornalista. Amo e seguo lo sport a 360° ma mi occupo anche di altri settori. Vanto uno stage a Sky Sport 24, un Master in Giornalismo e altre esperienze con testate giornalistiche importanti.