Il Paradiso delle signore potrebbe essere cancellato: ecco pechè

Forti dubbi sulle nuove puntata della soap che è già stata spostata dalla Rai nel day time.

paradiso

Potrebbe chiudere a maggio la soap di Rai Uno Il Paradiso delle signore. La decisione non è ancora stata presa. Il cast attendeva delle risposte il mese scorso, ma, le prime notizie si avranno alla fine dle mese di febbraio. Gli attori intanto continuano a girare, le riprese dovrebbero finire a metà del prossimo mese e, nell’attesa di sapere le sorti del grande magazzino si stanno valutando possibili finali per i vari protagonsti.

Le prime due stagioni della fiction sono andate in onda in prima serata, sempre su rai uno. Il cast comprendeva Giuseppe Zene e Giusy Buscemi tra i principali protagonisti e poi Alice Torriani (che interpreta il ruolo di Andreina Mandelli) e Alessandro Tersigni (il pubblicitario Vittorio Conti). Alla fine della seconda stagione (che ha ottenuto meno successo rispetto alla prima), il patron del grande magazzino Pietro Mori (interpretato da Giuseppe Zeno), viene sparato alle spalle e cade tra le braccia della furura moglie Teresa Iorio (Giusy Buscemi). Il fianle delle seconda stagione lasciava quindi aperti molti spiragli.

I vertici della Rai decidono però, nonostate le proteste del pubblico, di spostare la serie dalla prima serata al day time, facendola diventare così una soap di 180 puntate. Nel cast è rimasto Alessandro Tersigni che, per commemomare la morte dell’amico Pietro Mori, prende le redini del Paradiso. Accanto a lui Andreina Mandelli, ormai sua compagna che però ha delle gravi vicende giudiziare.

Nel corso dei mesi tanti protagonisti si sono affacciati all’interno del grande magazzino e l’interruzione della soap sarebbe una vicenda molto triste e già il popolo dei social è in mobilitazione per le sorti di una serie che ha appassionato sin dalla prima puntata.

Anche il sindacato dei lavoratori nei giorni scorsi ha indetto un sit in davanti alla sede Rai di viale Mazzini a Roma e adesso c’è solo da aspettare.

Scritto da Silvestra Sorbera

Silvestra Sorbera, classe 1983, piemontese di origini siciliane, è una giornalista e autrice di racconti e romanzi. Ha pubblicato nel 2009 “La prima indagine del Commissario Livia” e a maggio del 2016 la seconda indagine dal titolo “I fiori rubati” con la casa editrice LazyBOOK.
Nel 2013 ha realizzato la favola per bambini “Simone e la rana”, e il saggio letterario – cinematografico “La forma dell’acqua. Camilleri tra letteratura e fiction”. Nel 2014 pubblica con la casa editrice LazyBOOK i racconti “Vita da sfollati” e a seguire “Sicilia” e “La guerra di Piera” e a dicembre 2016 il romanzo autobiografico “Diario per mio figlio”.
A giugno 2016 con la casa editrice PortoSeguo il romanzo “Sono qui per l’amore”. Nel 2017 pubblica il racconto lungo new adult “Un amore tra gli scogli” e la favola “Simone e la rana. Viaggio nel castello stregato”.

ritiro_patente

Ritiro patente per cellulare alla guida: la proposta della Polizia

medici-professionisti-pagati-pizza

Crema “miracolosa” per psoriasi dichiarata illegale: ecco qual è