Intervista a Alden Ehrenreich, il giovane Han Solo

Durante il Festival di Cannes, dove è stato presentato Solo: A Star Wars Story, il giovane attore protagonista Alden Ehrenreich in un’intervista ha parlato della sua esperienza e del giudizio di Harrison Ford sulla sua interpretazione

Solo A Star Wars Story

Intervista a Alden Ehrenreich – Durante lo svolgimento della 71ª edizione del Festival di Cannes dove è stato presentato lo spin-off di Star Wars sul noto contrabbandiere intergalattico intitolato Solo: A Star Wars Story, il protagonista Alden Ehrenreich ha rilasciato un’interessante intevista dove sono stati trattati svariati argomenti e curiosità circa la sua esperienza nell’interpretare un personaggio così iconico della Saga come Han Solo, interpretato precedentemente dall’attore Harrison Ford a partire dal lontano 1977 con il primo film di Star Wars Episodio IV: Una Nuova Speranza diretto da George Lucas.

L’attore ha dichiarato di aver iniziato a sentirsi soddisfatto del suo lavoro quando George Lucas e lo stesso Harrison Ford si sono complimentati personalmente con lui dopo aver visto la pellicola, in particolar modo lo storico interprete di Han Solo giunto alla seconda visione ha affermato di aver apprezzato il risultato finale ed in particolare l’interpretazione di Alden Ehrenreich in quanto “È entrato nel personaggio e lo ha fatto suo”.

Intervista a Alden Ehrenreich – Il giovane attore inoltre ha affermato che una delle esperienze più belle sul set di Solo: A Star Wars Story è stato pilotare l’astronave più iconica dell’universo di Star Wars: il Millennium Falcon e che durante il corso delle riprese ha preso sempre più confidenza con il velivolo in particolare riguardo lo stile della guida e la sua struttura.

Alden Ehrenreich: il rapporto con Chewbecca

Un altro aspetto centrale ai fini della trama e che ha suscitato molta apprensione ed eccitazione è il rapporto di Han con Chewbecca poichè è in questo film che si assiste al primo incontro e alla nascita del leggendario duo di piloti interspaziali e non caso parte del provino per ottenere la perte di Han, superato brillantemente da Alden Ehrenreich, consisteva in una conversazione in linguaggio wookiee con l’interprete di Chewbecca , l’ex giocatore di basket Joonas Suotamo.

A tal proposito il giovane attore ventottenne ha dichiarato di aver studiato il wookiee, la difficile lingua parlata da Chewbecca, attraverso alcuni tutorial presenti sul canale Youtube.

L’attore ha aggiunto che il momento in cui gli hanno comunicato di essere stato scelto per la parte è stato molto emozionante e l’unica persona con cui ha condiviso la notizia è stata sua madre in quanto la notizia doveva rimansere segreta fino all’annuncio ufficiale.

In questo film inizia la costruzione del personaggio di Han Solo ancora molto diverso dalla versione che le precedenti pellicole hanno mostrato sul grande schermo ovvero quella di un personaggio privo di quella componente malandrina e spavalda ma solo, buono e dallo sguardo astuto e sornione.

Il film è da oggi 23 maggio disponibile nelle sale cinematografiche italiane dopo essere stato presentato a Cannes il 15 maggio e dopo la premiere tenuta a Los Angeles lo scorso 10 maggio.
Secondo alcune indiscrezioni se gli incassi della pellicola saranno soddisfacenti per la Disney e la Lucas Film potrebbero essere messi in cantiere dei sequel con protagonista l’attore Alden Ehrenreich in cui saranno narrate altre avventure del giovane Han Solo e del suo braccio destra Chewbecca ambientate nel periodo antecedente i fatti narrati in Episodio IV: Una Nuova Speranza.

Apprendista programmatore informatico, napoletano, amante della cucina, del cinema e delle serie tv e nuotatore dilettante.

Disincanto serie maatt groening

Disincanto: Prime Immagini dalla Serie Netflix di Matt Groening

Migliori Frasi Philip Roth

Le cinque migliori frasi di Philip Roth: lo scrittore americano morto oggi