Lodovica Comello a Sanremo 2017: Il cielo non mi basta

lodovica-comello-sanremo

Attesissimo debutto al Festival di Sanremo per Lodovica Comello, al suo esordio sul palco del Teatro Ariston. Per l’artista friulana si tratta di un’importante occasione, una vetrina nazionale dopo il successo riscosso in giro per il mondo.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Il cielo non mi basta” e porta la firma di Federica Abbate, Antonino Di Martino, Dario Faini e Fabrizio Ferraguzzo, ed anticipa l’uscita del suo terzo album di inediti, di prossima pubblicazione. Nata a San Daniele del Friuli 13 aprile del 1990, sviluppa sin da piccola la passione per la danza e per la musica, iscrivendosi ad un corso di chitarra. Ad undici anni comincia a studiare canto, partecipando a diverse manifestazioni canore locali. Frequenta e si diploma al MAS di Milano, per poi entrare a far parte del corpo di ballo nel musical “Il mondo di Patty”. Nel 2011 supera i casting per la teen serie argentina “Violetta”, ricoprendo il ruolo di Francesca, e si trasferisce per le riprese a Buenos Aires.

Sulla scia del successo internazionale, due anni più tardi, pubblica il primo album da solista intitolato “Universo”. Nel 2015 lancia il suo secondo disco “Mariposa”, partendo in giro per il mondo con il Lodovica World Tour. Diverse le sue apparizioni televisive, conduce vari programmi su Disney Channel ed “Italia’s Got Talent” su Sky, recentemente recita anche in “Poveri ma ricchi”, l’ultimo film di Fausto Brizzi.

Per ascoltare “Il cielo non mi basta” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017.

festival-sanremo-2017

Lodovica Comello | partecipazioni al Festival

2017: Il cielo non mi basta – ???

Lodovica Comello | discografia

2013 – Universo
2015 – Mariposa
2017 – ???

Scritto da Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.