Loredana Berté a Domenica Live: dove rivedere l’Intervista shock

Domenica-Live-Loredana-Bertè

Loredana Berté è stata ospite ieri nella trasmissione “Domenica Live” condotta da Barbara d’Urso e ha rilasciato un’intensa intervista che ha lasciato agghiacciati tutti i fan e i telespettatori. Dichiarazioni su una violenza subita da ragazza, ma anche il rapporto con la sorella Mia Martini, e con il padre violento. Per poter rivedere l’intervista integrale, è possibile collegarsi al sito di video Mediaset.

LOREDANA BERTÉ: SONO STATA VIOLENTATA A 17 ANNI

Crudo e duro il racconto di Loredana Berté, che per la prima volta i apre ai microfoni in modo così sincero e spietato. La cantante ha confessato di aver subito violenza a 17 anni, da un uomo che, dopo averla corteggiata a lungo, ha abusato di lei. Queste le dure parole della Berté:

Sono stata violentata. Avevo 16/17 anni. Ero l’unica ancora vergine nel mio gruppo di amiche. Facevamo le serate a Milano. Loro mi dicevano che era ora che trovassi la persona giusta. A Torino, c’era questo signore, un ragazzo, molto gentile. Per un mese mi ha mandato grandi mazzi di rose in camerino. Le amiche mi dicevano: è quello giusto. Mi sono detta che era arrivato il momento, mi sono fidata delle parole delle mie amiche. Così una sera ho deciso di cedere.Pensavo saremmo andati a casa sua, invece, mi ha portata in uno squallido bilocale. Era un uomo che aveva la Ferrari. Appena ha chiuso la porta alle nostre spalle, ho sentito un brivido, mi è preso un colpo. Volevo andare via. Lui mi ha presa a calci a pugni. Mi ha violentata. Mi ha strappato i vestiti. Io però sono riuscita a scappare. Non so come, sarà stata la forza della disperazione. Mi sono buttata in strada. Ero piena di sangue. Mi ha salvato un tassista. Mi ha portata in pronto soccorso. Ho odiato le mie amiche. Non lo potevo neppure dire a mia madre, altrimenti mi avrebbe picchiata anche lei. Dopo, non ho voluto più vedere un uomo per tre/quattro anni“.

IL RAPPORTO CON LA SORELLA MIA MARTINI

Molto sentite anche le parole rivolte alla sorella Mia Martini, scomparsa in giovane età per un’ovedose di farmaci. Dalle parole della Berté si delinea una situazione familiare terribile, con un padre violento e una madre poco attenta e interessata, ma soprattutto il senso di colpa che acora oggi tormenta Loredana, e che le fa credere che è anche colpa sua se Mia Martini ha perso la vita. Ecco quanto dichiarato ieri a “Domenica Live“:

o mi sento un po’ in colpa perché penso che se avessi fatto qualche viaggio di meno e fossi rimasta un po’ più accanto a lei, a parlare con lei, forse sarebbe ancora viva. Io mi sono colpevolizzata per questo: non ho fatto un viaggio di meno per starle vicino. Lei insistette tanto per darmi un telefonino, io non l’ho voluto, se quella sera lo avessi avuto, lei sarebbe ancora viva. Io ci penso. Non mi perdonerò mai per questo. Non è vero che il tempo cambia le cose, non cambia niente…

carcere

Amnistia e Indulto 2017: a San Gimignano, Detenuti Chef per un giorno

programmi-tv

Stasera in tv, Programmi 16 maggio 2017