Mail Hackerate: cos’è ‘Have I Been Pwned’ e a che serve

Quasi 800 milioni di mail potrebbero essere state rubate, ecco come agire per prevenire furti di identità e dati sensibili.

cos'è have i been pwned

Secondo le stime di molti esperti del settore ben 773 milioni di indirizzi email potrebbero essere stati hackerati. Alcuni hacker hanno trafugato password ed email e riunito questa immensa mole di dati in un database dal nome Collection #1. L’archivio è stato eliminato ma, essendo stato online per molto tempo, i proprietari delle mail in questione potrebbero essere a rischio.

Dalla mail possono essere rubati dati sensibili o codici e password che darebbero la chiave ad hacker esperti di paralizzare la vostra attività, ecco quindi come scoprire se la vostra mail è inclusa nel database e come rimediare.

Mail Hackerate: Come scoprire se la propria mail è a rischio

Grazie ad un sito è possibile inserire la propria casella email e scoprire se c’è stata qualche violazione informatica. A quanto pare le violazioni sono avvenute a macchia di leopardo, quindi non legate ad un provider di servizi specifico. Il sito in questione è have i been pwned?, il quale proprietario, un ricercatore informatico australiano, ha scoperto il buco online.

Cosa fare se la propria mail è stata hackerata

Se si risulta nel database incriminato non è automatico che degli hacker siano entrati nella vostra corrispondenza, ma i vostri dati potrebbero essere comunque a rischio. Uno degli strumenti più efficaci per prevenire ulteriori danni è cambiare immediatamente la password del proprio account e, se questa è utilizzata anche per altri servizi informatici online, cambiare tutte le altre a scopo preventivo.

Gli hacker sanno che è prassi comune utilizzare la stessa password per accedere su più siti, dai social al sito della vostra banca online, quindi meglio mettersi al riparo e cambiare tutte le password dell’account incriminato. L’allarme resta comunque alto, sono molti che sono alla ricerca di altri database come Collection #1 per stanarli e rimuoverli dal web.

Scritto da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l’Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante

d45a4a1a1f9bca9a813172c3eefc6c90_MGZOOM

Quota 100: addio alla Fornero, ecco i requisiti per andare in pensione

piani accumulo migliori 2019

Piani di accumulo e conto deposito, quale il migliore per il 2019?