Terrorismo in Italia, Salvini: “Bisogna blindare i confini”

Salvini Macerata

Blindare i confini dell’Italia contro il terrorismo. E’ la ricetta che Matteo Salvini detta questa mattina da Genova dopo che all’alba a Venezia sono stati arrestati da un biltz dei Carabinieri e della Polizia ben 3 jihadisti che stavano organizzando un attentato.

ARRESTO TERRORISTI A VENEZIA: LA RICETTA DI SALVINI

Era attesa la reazione del leader della Lega Nord e non si è fatta attendere. Come è arrivato nel capoluogo ligure ha fatto sentire forte la sua voce contro il terrorismo e infatti ha detto: “Credo sia necessario blindare i confini del Paese, sigillarli e controllare chi entra e chi esce perché domani potrebbe essere troppo tardi”. Un’iniziativa che non si fermerà solo alle parole ma che verrà portata anche in Parlamento dal gruppo guidato da Salvini che quindi un’altra volta si mette alla testa dei securitari italiani per difendere il nostro paese dalle influenze di presunti terroristi che potrebbero infestare il nostro quotidiano.

Ma la ricetta di Salvini è anche più densa infatti subito dopo ha affermato: “E’ necessario fare uno screening di tutte le realtà islamiche presenti abusivamente o meno in Italia oggi perché, come ho detto, domani potrebbe essere tardi”.

salvini-contro-fidel-castro

QUANTI MIGRANTI ARRIVERANNO IN ITALIA NEL 2017?

Alle parole di Salvini fanno seguito anche i numeri infatti la Germania proprio questa mattina ha diffuso una serie di dati di quanti potrebbero essere i profughi che potrebbero attraccare sulle coste italiane in questo 2017. Secondo le fonti tedesche si può parlare di un numero variabile di arrivi che vanno dalle 300 alle 400 mila unità.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.