Omicidio Bengalese a Roma, fermata coppia di 20enni

L’uomo era stato soccorso e trasportato all’Ospedale San Camillo con un esteso ematoma cranico, causa del successivo decesso.

omicidio bengalese

Dopo quasi un anno di indagini da parte delle autorità, una coppia è stata fermata per la morte di Milon Sayal. L’uomo – 33enne originario Bangladesh – l’8 Ottobre era stato soccorso e trasportato all’Ospedale San Camillo con un esteso ematoma cranico, causa del successivo decesso.

PRONTO SOCCORSO: IN UN ANNO 1 MILIONE DI ACCESSI IN MENO
L’uomo, trasportato presso l’Ospedale San Camillo, è morto per le lesioni riportate.

Omicidio Bengalese: adescato tramite sito d’incontri

Gli inquirenti sono riusciti a ricostruire la dinamica dei fatti tramite testimonianze, telecamere e soprattutto con il supporto della comunità bengalese. Sayal si era recato ad Ostia, Via Enea Picchio, dopo aver contattato telefonicamente ripetutamente una donna – probabile utente di un sito di incontri.

La donna avrebbe dato appuntamento all’uomo proprio per l’8 Ottobre 2017, dove però si sarebbe fatta trovare insieme al marito che avrebbe aggredito e rapinato il 33enne. L’Iphone, di cui la vittima era stato derubato, è stato trovato in possesso di un giovane della zona che a sua volta lo aveva ricevuto da una persona che lo aveva comprato dalla donna indagata.

La coppia di coniugi 20enni, originari di Roma, è stata sottoposta a fermo di persona gravemente indiziata di reato nella serata dell’11 Maggio 2018.

Classe 1992, molisana e studentessa di Giurisprudenza. Aspirante giornalista con la passione per la cronaca ,specialmente nera.

crollo tribuna

Crollo tribuna durante intervista Andrés Iniesta: 11 feriti (VIDEO)

Solo A Star Wars Story Cannes

Solo: A Star Wars Story | Trama, Cast e Anticipazioni