Permessi di Soggiorno Falsi, operazione della Guardia di Finanza

finanzieri

Un’operazione in cinque regioni italiane per mettere fine al vasto giro di permessi di soggiorno falsi. E’ quella condotta alle prime luci dell’alba di questa mattina dalla Guardia di Finanza.

A essere interessate sono Toscana, Veneto, Lombardia, Campania e Marche. Secondo un primo bilancio l’operazione “Colletti bianchi” che vede impegnati circa 400 uomini delle Fiamme Gialle ha fino ad ora portato a 34 misure cautelari personali, delle quali 3 in carcere, 12 agli arresti domiciliari e 19 misure interdittive della libertà personale, oltre a 111 decreti di perquisizione locale e personale nei confronti di 83 indagati.

Tutto è partito dai provvedimenti che sono stati emessi dal gip del Tribunale di Prato che su richiesta della locale Procura hanno contestato reati che vanno dall’associazione a delinquere all’induzione in errore dell’ufficio immigrazione, dalla falsità ideologica nel rilascio dei rinnovi di permessi di soggiorno all’immigrazione clandestina.

permesso-di-soggiorno

L’indagine è iniziata a seguito del rogo della Teresa Moda a Prato il 1 dicembre del 2013 quando sette operai cinesi morirono tra le fiamme: da allora si è rafforzato l’impegno di prevenzione e di contrasto a coloro che fanno affari sulle vite di chi cerca un minimo di lavoro per sopravvivere.

“Non devono esistere zone franche, i diritti dei lavoratori sono al centro della nostra politica ed è per questo oggi plaudo all’iniziativa della Procura di Prato e della Guardia di Finanza che con la loro attività di repressione ci consentono di lavorare meglio affinché emerga dall’illegalità il valore di un’economia sommersa che Irpet stima aggirarsi intorno al miliardo di euro l’anno”, questo il commento a caldo del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

Como, Omicidio Maestra: confessa il Cognato già in carcere

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.

duomo-di-milano

Ambrogino d’Oro 2016, i nomi dei vincitori

elicottero-carabinieri

Salerno, Carabiniere Morto d’Infarto a Scafati