ProtonMail: l’email con crittografia end-to-end

Da "Proton Technologies" un nuovo servizio di posta elettronica che garantisca maggiore privacy

Fonte: Proton Technologies

ProtonMail è il servizio di posta elettronica offerto da Proton Technologies, una società fondata (2013) da un gruppo di scienziati del MIT e del CERN. La nuova email unisce due elementi importanti, un’interfaccia user friendly, che sia orientata alla produttività, a una tutela maggiore dei dati trasmessi.

L’idea nasce dalla volontà di creare un prodotto alternativo ai grandi nomi, come Gmail. Quest’ultima è il servizio di posta elettronica più utilizzato al mondo: è gratuita, efficiente e in continuo sviluppo. Ma ha un grande difetto: per poter offrirsi liberamente a tutti gli utenti, deve fare una piccola rinuncia nell’ambito della riservatezza. Big G può utilizzare le nostre email senza limitazione, invadendone i contenuti al fine di offrirci pubblicità mirate.

La parola chiave è sicurezza

Le email di ProtonMail sono, invece, crittografate con tecnologia end-to-end, come le chat di Whatsapp e Telegram. Questo significa, in linea di massima, che nessuno possa leggerne il contenuto, tranne il mittente e il destinatario. La stessa Proton Technlogies è priva delle chiavi di accesso che l’utente abbia utilizzato e, qualora vengano perse, i dati inseriti non sono più recuperabili. Quindi, una volta scelta, la password deve essere tenuta con grande premura.

Protonmail
Fonte: Proton Technologies

Il contenuto della mail è al sicuro anche qualora si scambino messaggi con altri domini, in quanto è prevista, in questo caso, un sistema di crittografia asimetrica. Il destinatario riceve non il corpo della mail ma un link e una chiave di decrittazione. Inoltre sono presenti i messaggi che si autodistruggono dopo la lettura del destinatario.

Protonmail 2
Fonte: Proton Technologies

ProtonMail basa la propria sicurezza anche sulla collocazione dei propri server. Si trovano in un data-center in Svizzera, a detta della società,  “sotto un chilometro di solida roccia”. La peculiare scelta della sede legale garantisce infine protezione contro le ingerenze delle diverse autorità nazionali. Questo in virtù soprattutto delle norme elvetiche sulla gestione dei dati digitali, fra le più severe e garantiste.  Il codice di programmazione del servizio è open source, al fine di permettere, a eventuali attivisti della privacy, verifiche circa l’efficacia del sistema di sicurezza.

ProtonMail offre un piano gratuito con una casella da 500MB e un limite di 500 messaggi al giorno. Per chi volesse sfruttare al massimo questa tecnologia, esistono piani a pagamento (a partire da 4 euro) in grado di offrire una crescente tutela dei dati utilizzati.

Classe 1990, vivo in un paese del centro Sardegna, Ovodda (NU). Mi piace condividere notizie che siano interessanti. Attualmente curo la sezione tecnologia.