Referendum ATAC: che cos’è e quando si vota

Fissata per l’11 Novembre la data del Referendum sul trasporto pubblico di Roma, al momento gestito dalla municipalizzata ATAC. Il referendum è frutto delle firme raccolte dai Radicali Italiani.

Referendum Atac

Il referendum per la messa a gara del servizio di trasporti romani, attualmente gestiti da ATAC, si terrà l’11 Novembre. Questo l’annuncio della sindaca Virginia Raggi sulla questione sollevata dai Radicali Romani. La consultazione, ottenuta dopo aver raccolto le firme necessarie per indirre un referendum comunale, si sarebbe dovuta tenere oggi.

Il regolamento, però, prevede che la stessa sia rimandata in caso di concomitanza di altre consultazioni, in questo caso le comunali del 10 Giugno e nel comune di Roma ci sarà il rinnovo di due municipi.

Dice Riccardo Magi, esponente romano dei Radicali:

“La sindaca Raggi ci ha detto che sono orientati a farlo a novembre, per avere più tempo per organizzare tutte le attività istituzionali e di informazione ai cittadini, noi ci siamo detti d’accordo e ora immaginiamo che a breve arriverà una comunicazione ufficiale con la nuova data”

Referendum ATAC, per cosa si vota?

Attualmente il servizio pubblico nella capitale è gestito in modo predominante da ATAC, l’azienda municipalizzata di Roma Capitale, la proposta dei comitato Mobilitiamo Roma è quello di mettere a gara il servizio pubblico cittadino per diverse aziende interessate, sempre sotto il controllo del Comune di Roma.

La liberalizzazione del trasporto pubblico di Roma con Riccardo Magi, Francesco Mingiardi

Gepostet von Mobilitiamo Roma am Sonntag, 3. Juni 2018

Il comitato propone di rivolgere due quesiti agli elettori della Capitale, che sono i seguenti:

Primo quesito

“Volete voi che roma capitale affidi tutti I servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e su rotaia mediante gare pubbliche, anche a una pluralità di gestori e garantendo forme di concorrenza comparativa, nel rispetto della disciplina vigente a tutela della salvaguardia e la ricollocazione dei lavoratori nella fase di ristrutturazione del servizio”;

Secondo quesito

“Volete voi che roma capitale, fermi restando I servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e rotaia comunque affidati, favorisca e promuova altresì l’esercizio di trasporti collettivi non di linea in ambito locale a imprese operanti in concorrenza?”

Le regole per un referendum comunale

Dal 2000 ogni comune è obbligato a dotarsi di un regolamento interno, che può variare da comune a comune, per rendere possibile l’esercizio del referendum per i propri cittadini.

Lo statuto referendario del Comune di Roma richiede – per rendere valida la richiesta – almeno cinquantamila firme e la formazione di un comitato sottoscrittore. La commissione per i referendum, poi, nominata dall’amministrazione in carica, sentenzia sull’ammissibilità della richiesta e ne fissa la data.

Scritto da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l’Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante

Sesso caserma carabiniere

Carabiniere fa sesso in caserma a Ravenna durante straordinario

piazza-tiananmen-ricordo-baudicao

Strage di Piazza Tienanmen: il ricordo con il flash mob di Badiucao