Saronno Morti sospette in ospedale, che cosa è il Protocollo Cazzaniga?

leonardo-cazzaniga-medico-saronno

Morti sospette in ospedale il giorno dopo a Saronno non si parla d’altro, ma cosa è il Protocollo Cazzaniga?

Si tratta delle morti pianificate da parte del medico anestesista Leonardo Cazzaniga, 60 anni, che ieri è stato arrestato con l’accusa di aver causato la perdita della vita di persone ricoverate nell’ospedale cittadino tra il 2012 e il 2013. Si trattava di morti pianificate, a base di medicinali, da parte del medico con la complicità dell’infermiera sua amante.

Il medico che si sentiva un Dio in terra e che diceva di poter togliere la vita quando lui voleva, questo traspare dalle registrazioni ambientali captate dalla Procura. I farmaci in questo lugubre Protocollo invece di essere usati per salvare la vita venivano mescolati sapientemente tra di loro per toglierla. E così è stato ucciso anche il marito dell’infermiera Laura Torroni, complice e amante del medico.

saronno-morti-ospedale

La stessa infermiera che era entrata in questo gioco depravato di morte e che si atteneva scrupolosamente al Protocollo Cazzaniga tanto che secondo la Procura è stata lei ad uccidere il marito prima somministrandogli antidepressivi per far calare la libido e poi arrivando all’insulina con dosi massicce che hanno tolto la vita a una persona perfettamente in salute.

Dalle intercettazioni recuperate dagli inquirenti il dottore Cazzaniga, da cui ha preso il nome il macabro protocollo, si faceva chiamare dalla sua amata e complice: Dio o anche Angelo della Morte. Lui che uccideva somministrando in maniera esagerata alle propri vittime dosi massicce di medicinali.

Notizie da Modena: Caso di Meningite all’ospedale di Baggiovara

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.