Stupro a Viterbo: cosa è successo e chi sono gli indagati

Violenza di gruppo e lesioni aggravate. Queste le accuse a carico di due giovanissimi, di 19 e 21 anni, di cui un consigliere comunale, Francesco Chiricozzi del Partito CasaPound di un comune del viterbese e l’altro anch’esso appartenente allo stesso partito di estrema destra.

I fatti incriminati risalgono al 12 aprile quando i due ragazzi all’interno di un circolo privato di Viterbo, a loro esclusivo uso per quella serata in cui si svolgeva una festa, abusavano sessualmente di una giovane 36 enne viterbese, riprendendo le immagini dello stupro sullo smartphone. Prima di abusare sessualmente della ragazza, i malfattori pare che l’abbiano indotta a bere e, a fronte delle resistenze della stessa, l’avrebbero addirittura colpita a pugni in faccia e tramortita allo scopo che non potesse opporre alcuna forma di resistenza.

L’ increscioso accadimento è stato denunciato lo stesso giorno dalla vittima e, nella mattinata di oggi 29 aprile gli agenti della Squadra Mobile e della Digos della Questura di Viterbo hanno eseguito i provvedimenti di custodia cautelare disposti verso i due giovani militanti di CasaPound che sono stati dunque arrestati e condotti al  carcere viterbese Mammagialla.

Durissimo il commento ai fatti della Ministra della Difesa Elisabetta Trenta che ha espresso tutto il suo sdegno per la vicenda affermando sui social “E’ vergognoso, la pagheranno cara i balordi che hanno abusato della giovane 36enne a Viterbo”.

 

morto sergio giovannone 1

È morto Sergio Giovannone, storico calciatore dell’Avellino

polizia-arresto

Riforma Legittima difesa: cos’é e cosa cambia