A tu per tu con Le Deva: “Insieme? Forza 4!”

Deva

Al secolo Greta Manuzi, Roberta PompaLaura Bono e Verdiana Zangaro, Le Deva rappresentano una nuova proposta discografica che mescola la tradizione melodica italiana alle sonorità internazionali del momento. In attesa dell’uscita del loro album intitolato “4”, disponibile nei negozi e nei digital store da settembre, le ragazze sono attualmente impegnate con la loro tournée estiva in giro per il Paese. Dopo il successo del singolo “Un’altra idea”, le abbiamo incontrate e messe a confronto in questo interessante e divertente faccia a faccia.

Ciao ragazze! Se doveste presentare per la prima volta a qualcuno il vostro progetto, il vostro gruppo, come lo descrivereste?
GRETA: “Un quartetto eccezionale, dove ognuna di noi mette del suo. Siamo essenziali l’una per l’altra, anche nelle nostre diversità c’è qualcosa che ci lega ma non riesco a capire cosa, ad esempio, anche quando ognuna si veste a casa propria e poi ci ritroviamo sul palco con un nesso e qualcosa che ci accomuna anche nei vestiti”.
ROBERTA“E’ una domanda particolare, non saprei dirtelo con esattezza, diciamo che siamo un quartetto carismatico, pieno di idee, con tantissima voglia di fare e di prenderci il nostro posto nella discografia italiana come gruppo, un progetto che vogliamo portare avanti fino in fondo e ci auguriamo di farci sentire sempre di più”.
LAURA“Come un’esplosione di musica pop fatta bene, con quattro voci una diversa dall’altra che quando si mescolano insieme diventano una cosa unica, come quattro impronte digitali che diventano una sola. La gente a volte si scandalizza davanti a questa parola, ma in realtà pop vuol dire popolare che arriva alle persone”.
VERDIANA: “Come un gruppo unico nel nostro Paese, con un forte potenziale. La nostra è una proposta musicale nuova, perché fonde la melodia italiana a un sound internazionale”.

Il nome Deva significa divinità e trae spunto dai quattro elementi della vita (aria, acqua, fuoco e terra), quale avete scelto singolarmente per rappresentarvi e perché?
GRETA: “L’acqua perché rappresenta la purezza e la trasparenza, aspetti molto importanti per la mia vita, in più è in grado di farsi strada da sola, abbattendo qualsiasi cosa fino ad arrivare dove vuole arrivare, io sono così”.
ROBERTA: “Il giorno dell’assegnazione degli elementi devo dire che ci siamo trovate tutte subito d’accordo, io ho scelto subito la terra per i suoi colori e il suo significato che richiama le origini, le radici e la famiglia”.
LAURA“Il fuoco e, sinceramente, penso che non ci sia bisogno di troppe spiegazioni, perché basta guardarmi. E’ un elemento che ha a che fare con la passione, la creatività e l’energia, quindi mi rappresenta in toto”.
VERDIANA“Ho scelto l’aria per vari motivi: il primo perché è il titolo di una mia canzone che rappresenta il manifesto del mio percorso artistico da solista, poi anche perché vocalmente mi piace andare a toccare delle sonorità tecnicamente ariose. In più mi piace pensare di essere presente nella vita delle persone anche senza passarci fisicamente, proprio come l’aria che non si vede ma si avverte”.

Siete le principali esponenti italiane del girl power, senza pensarci troppo ma d’istinto, in quale gruppo esistente o di fantasia vi riconoscete di più tra: le Winx, le Guerriere Sailor, le Charlie’s Angels, le Spice Girl, le protagoniste di Sex and the city?
GRETA
: “Per quanto mi riguarda singolarmente risponderei che sono come una protagonista di ‘Sex and the city’, per quanto riguarda il quartetto, invece direi che siamo più come le guerriere Sailor”.
ROBERTA“Ti faccio una confidenza, noi quattro abbiamo un gruppo su WhatsApp e come immagine ci sono proprio le guerriere Sailor, quindi non posso che risponderti ‘potere del cristallo di luna vieni a me!’…”.
LAURA“In questo momento mi vengono in mente i protagonisti di ‘Friends’, ma essendoci anche uomini opto le guerriere Sailor”.
VERDIANA“Mi rispecchio assolutamente nelle guerriere Sailor, proprio come la nostra foto sul nostro gruppo personale su WhatsApp”.

Un termine per ognuna di voi, come vi definireste?
GRETA
: “Roberta è la pacatezza; Verdiana è la saggezza, Laura è la potenza e io… penso la passionalità”.
ROBERTA“Verdiana sicuramente è la saggia del gruppo; Greta è la simpatica; Laura è il nostro vulcano e per quanto riguarda me… faccio fatica a descrivermi, ma diciamo che mi piace quando qualcuno mi definisce altruista”.
LAURA“Greta è la festa; Roberta è la pacconara che ti dice usciamo e poi va a letto presto; Verdiana è pignola, ma nel senso buono, e io… la prezzemolina”.
VERDIANA: “Laura è l’energia; Roberta è la stabilità; Greta è limpida e io… ti dico un pregio e un difetto: da un lato sono molto generosa, dall’altro tanto pesante perché sono pignola e molto precisa, ho la tendenza quasi maniacale al perfezionismo”.

Per concludere, vediamo chi delle quattro è più brava a spoilerare… per la gioia dei vostri fans. Cosa potete anticiparci del vostro nuovo disco?
GRETA
: “Sicuramente ti darà più soddisfazioni Laura! Io posso dire che il disco uscirà a settembre, ci saranno molto probabilmente undici brani e un feauturing”.
ROBERTA“L’addetta allo spoiler in realtà è Laura, ma posso dirti che l’album uscirà a Settembre e che s’intitola ‘4’, come uno dei brani che parlerà degli elementi che abbiamo citato prima e, di conseguenza, di ognuna di noi”.
LAURA“Il disco si intitolerà ‘4’, è composto da undici tracce una più bella dell’altra., comprenderà anche ‘L’origine’, ‘L’amore merita’ e il nostro attuale singolo ’Un’altra idea’ che ad oggi è ancora stabile nella top100 della generale e nella top50 della classifica italiana. A settembre, oltre all’album, ci sarà un nuovo singolo che stiamo già portando live in molte piazze italiane in occasione del tour. Kikko Palmosi ha arrangiato divinamente tutte le canzoni! Ci saranno varie collaborazioni nella scrittura dei brani… ognuna di noi ha espresso la propria creatività, dalla scrittura al lavoro in studio e all’interno dell’album c’è anche un brano che vede la mia firma…. ma basta dai, non farmi dire altro!”.
VERDIANA“Che si intitolerà ‘4’… ha una copertina molto bella, spaziale proprio come il disco, uscirà a settembre, conterrà più di dieci tracce e sarà un album dal punto di vista delle sonorità molto futuristico”.

Scritto da Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

stereosonic-australia-festival-musicale

Kappa FuturFestival 2017: 200 persone denunciate per droga

caso-cucchi

Caso Cucchi: rinviati a giudizio 5 carabinieri