Operazione militare della Turchia in Siria: cosa succede e perché

L’intervento militare nel nordest della Siria è stato annunciato dal presidente turco Recep Tayyip Erdoğan. Si registrano diversi morti tra i civili

Le nuove rivendicazioni dell’Isis

L’Isis ha rivendicato una serie di attacchi compiuti contro forze curdo-siriane nel nord-est della Siria. A riferirlo è stato l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui il sedicente ‘Stato islamico’ ha ammesso tramite i social network la responsabilità di attentati compiuti nelle ultime 24 ore contro basi e postazioni curde e Raqqa e nella città di Tabqa, sull’Eufrate.

Le reazioni

Russia. “Alla luce dei piani per condurre un’operazione militare nel nord-est della Siria annunciato dalla Turchia Vladimir Putin ha invitato i partner turchi a riflettere attentamente sulla situazione in modo da non compromettere gli sforzi congiunti per risolvere la crisi siriana”. Lo riporta la Tass, chiarendo che il Cremlino ha comunicato di una conversazione telefonica tra il presidente russo e il suo omologo Recep Tayyip Erdogan.

Iran. “Le preoccupazioni della Turchia rispetto ai suoi confini meridionali sono legittime”: lo ha ribadito il presidente iraniano Hassan Rohani, citato dall’Irna. Rohani ha affermato altresì che “occorra seguire un percorso corretto per eliminare queste preoccupazioni” di Ankara, spiegando che “le truppe americane devono lasciare la regione” e i “curdi in Siria” devono “sostenere l’esercito siriano” di Bashar al Assad. Esso, ha concluso il leader iraniano, dovrebbe prendere il controllo del nord-est del Paese al confine turco.

L’appello Ue. Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha espresso il suo parere in merito all’attacco militare turco in Siria. “Chiedo con forza alla Turchia di interrompere immediatamente ogni azione militare» nel nord della Siria. E ha aggiunto: “C’è una popolazione che ha già sofferto duramente. Non dobbiamo metterla in condizioni di avere altre sofferenze. Si fermi questo intervento, non sarà mai una soluzione ai problemi che abbiamo”.

Sassoli ha concluso: “La comunità internazionale, l’Unione europea, le sue istituzioni chiedono che questo intervento si fermi e si discuta anche la possibilità di una zona cuscinetto di sicurezza, ma questo certamente va fatto nella pace, nella stabilità e nel dialogo”.

Germania. “Ci appelliamo alla Turchia affinché ponga fine alla sua offensiva e persegua i propri interessi di sicurezza per vie pacifiche”, ha detto il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas, secondo quanto rilanciano diversi media tra cui il sito del settimanale Stern. La Turchia, continua, potrebbe “destabilizzare ulteriormente la regione” e rischia di rafforzare l’Isis. Secondo il ministro questo intervento potrebbe “causare un’ulteriore catastrofe umanitaria e un nuovo movimento di profughi”.

Italia. “Sono stato appena informato dell’iniziativa unilaterale della Turchia sulla quale non posso che esprimere preoccupazione”, ha affermato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la conferenza stampa col Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg, a Palazzo Chigi.

Usa. Il presidente americano Donald Trump ha scritto su Twitter: “Le stupide guerre senza fine, per quanto ci riguarda, stanno finendo!”. Il Tycoon ha confermato il ritiro di 50 soldati Usa dal nord della Siria dove si attende l’offensiva turca contro le milizie curde. “Gli Usa non avrebbero dovuto mai essere in medio Oriente”, ha aggiunto aggiunge, ribadendo come ora “la Turchia dovrà prendere il controllo dei combattenti dell’Isis catturati e che l’Europa non ha voluto riprendere”.

 

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.

chi_è_beppe_bigazzi

Chi è Beppe Bigazzi, volto storico de La prova del cuoco

fedez-e-chiara-ferragni

Laurea per diventare Influencer: ecco come funziona e materie da studiare