AVICII: storia e brani dell’artista scomparso a 28 anni

Tra ascoltatori, fan, colleghi ed addetti ai lavori, tutto il mondo musicale è in lutto per la scomparsa del Dj/Producer svedese che ha calcato un’impronta indelebile nel panorama della musica mondiale. Vorrei ricordarlo assieme a voi ripercorrendo la sua storia.

avicii 2

Il rammarico è tanto e le domande sono molte in merito alla prematura scomparsa di AVICII, il celebre Dj/Producer di origine svedese che ieri, 20 aprile 2018, è stato trovato privo di vita nella città di Mascate, Oman.

Lungi da me il voler solcar l’onda di dispiacere mediatico che fisiologicamente si crea attorno ad eventi di questo tipo; preferirei invece ricordarlo con la sua storia così come egli cita all’inizio del brano The Nights:

When I die, I want to be remembered for the life I lived, not the money I made.

avicii

Tim Bergling (nome di battesimo di AVICII) è nato a Stoccolma l’8 settembre 1989. Iniziò la sua carriera musicale all’età di 18 anni pubblicando i suoi primi brani su un blog di musica elettronica svedese e su My Space.

Firmato il suo primo contratto con l’agenzia At Night Management all’età di 19 anni, Tim conia il suo nome da Dj AVICII che nella religione buddhista indica l’ultimo livello dell’inferno.

Indicato nel 2010 da Tiësto come miglior promessa nel panorama EDM, Tim si esibì tramite invito al Privilege di Ibiza.

Non passa molto tempo ed il giovane svedese si ritrova al 6° posto della classifica Dj Mag e, in seguito ad una serie di eventi, giungiamo al 28 luglio 2011: data di pubblicazione di Levels.

Levels, pubblicato da Universal, è senza dubbio il brano che ha cambiato le carte in tavola nel mondo della musica elettronica, scalando le vette delle charts ed ottenendo persino un remix da parte del colosso Skrillex.

Il ritornello cantato del brano prende le note da una vecchia canzone di Etta James intitolata Something’s Got a Hold on Me, scritta da Leroy Kirkland, Pearl Woods e dalla stessa James. A fine novembre Tim ha invitato con un video su YouTube tutti i suoi fan a creare il video originale e il 29 novembre 2011 è stato ufficializzato il video vincitore sul suo canale ufficiale di Vevo su YT. Ad oggi conta più di 300 milioni di visualizzazioni.

Il 20 ottobre 2012 segue un ulteriore traguardo, Tim scala 3 gradini e raggiunge la 3° posizione della Top 100 Dj’s.

Passa solo qualche mese ed arriva il 17 giugno 2013, data di pubblicazione di Wake Me Up. Probabilmente il suo brano dal maggior successo, AVICII lo ha presentato ad Ultra Music Festival (Miami) e lo ha portato con se per aprire o chiudere i suoi set su stage di festival del calibro di EDC e Tomorrowland.

Dopo aver comunicato di tornare a lavorare a nuovi brani, Tim interrompe le sue esibizioni fino a febbraio 2015. Durante questo periodo di latenza, il Dj nonché Producer sforna il 3 ottobre 2014 il brano The Days, il quale vide la partecipazione vocale di Robbie Williams. Segue il 15 dicembre 2014 con la pubblicazione di The Night, brano da cui è tratta la frase prima citata.

Non senza varie voci di corridoio e dubbi sulla produzione (si pensava ad una collaborazione con Martin Garrix) il 22 maggio 2015 esce un nuovo brano destinato a diventare successo: Waiting For Love.

Passano altri eventi e produzioni fino al 28 agosto 2016, data in cui AVICII si esibisce in Live per l’ultima volta. Nonostante ciò il lavoro in studio continua fiorentemente ed il 10 agosto 2017 esce l’ultimo EP regalatoci dall’artista: AVĪCI (01).

Nonostante fossero previsti altri 2 EP a completare l’album, il destino ha deciso che il cammino di Tim si interrompesse il 20 aprile 2018, nel pieno dei suoi 28 anni.

Per chi volesse approfondire ulteriormente la storia dell’artista, dal 31 marzo 2018 è disponibile il docu-fim su Netflix intitolato Avicii: True Stories.

c21acf2acba4449fa2b4c6c82c935d07


Come probabilmente già detto, ripeto con un vuoto allo stomaco che l’impronta lasciata da AVICII è un pezzo di storia della musica indelebile, fonte di ispirazione per milioni di altri artisti.

Grazie Tim.

Scritto da Gabriele Muraro

Classe 1998, nato ad Asti, 50% italiano e 50% polacco.
Sono un appassionato di musica elettronica, della club culture e dei festival.
Amo esprimermi e condividere le mie idee, così come amo l'ambiente e ciò che la natura ci offre.
Ho molte altre passioni, ma le tengo per me, almeno per ora!

omicidio

Omicidio Brescia: ragazza uccisa dal padre perché voleva sposare un italiano

chat-1873543_1280

Chat: la rivoluzione dei messaggi passa dal protocollo RCS