Carabiniere testimone al Processo Cucchi denuncia minacce (VIDEO)

Minacce e declassamento per un appuntato che ha testimoniato nel processo Cucchi bis. In una diretta Facebook appello a Conte, Salvini e Di Maio

Carabiniere Processo Cucchi

In una diretta Facebook lo sfogo di un Carabiniere declassato dopo aver testimoniato all’infinito processo Cucchi: questa è la denuncia di Riccardo Casamassima, l’appuntato dei Carabinieri che con la sua testimonianza ha fatto riaprire il caso.

Nel video il militare spiega di esser stato minacciato già prima dell’udienza e i suoi appelli ai sindacati di settore sono stati inascoltati. Il carabiniere è stato infatti declassato e prenderà servizio alla Scuola Allievi dopo “vent’anni passati in strada”.

Carabiniere minacciato, l’appello a Conte, Salvini e Di Maio

Si sente nel video:

Mi appello alle cariche dello Stato, ai ministri Salvini e Di Maio e al presidente del Consiglio Conte: è giusto che una persona onesta debba subire questo trattamento? Mi stanno distruggendo. Mi recherò al comando generale per incontrare il nuovo comandante generale. Se non mi verranno date delle spiegazioni sarò costretto ad andare in Procura e a denunciare.

Ecco cosa mi sta' succedendo dopo aver testimoniato nel processo Cucchi.

Gepostet von Riccardo Casamassima am Montag, 18. Juni 2018

 

A fare eco alla denuncia è Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano da anni impegnata per scoprire la verità dell’omicidio del fratello. La Cucchi aveva già denunciato il trattamento risevato ai due testimoni, con la richiesta di modificare le annotazioni del verbale. Dice la donna:

Sono stati sentiti dopo che alcuni loro colleghi avevano ammesso, davanti ai giudici, di essere stati convocati dai superiori, dopo la morte di mio fratello, per modificare le loro annotazioni.

Le motivazioni ufficiali del trasferimento e del declassamento sono per ora basate sul suo comportamento “poco esemplare e inadeguato al senso della disciplina”.

Il Carabiniere Riccardo Casamassima ha testimoniato così come lo ha ha fatto la Carabiniera Maria Rosati, oggi sua…

Gepostet von Ilaria Cucchi am Dienstag, 19. Juni 2018

 

Le testimonianze di Casamassima e Maria Rosati nel processo Cucchi bis

Ben nove anni dopo la morte del ragazzo nell’ospedale Sandro Pertini di Roma, il 15 Maggio di quest’anno è iniziato il cosiddetto processo Cucchi bis, aperto grazie alle testimonianze di due carabinieri. I due, nonostante non fossero coinvolti direttamente nei fatti, hanno testimoniato di aver carpito comportamenti ambigui dei superiori.

A un mese dalla mia testimonianza per la morte di Stefano Cucchi…..mi confermano il trasferimento una vera punizione…

Gepostet von Riccardo Casamassima am Montag, 18. Juni 2018

 

Dice il carabiniere Casamassima:

Mi rivelò che Mandolini e Mastronardi stavano cercando di scaricare le responsabilità dei carabinieri sulla polizia penitenziaria. Lei stava lì (Maria Rosati, ndr) perchè fungeva da autista del comandante. Lei capì il nome Cucchi ma poichè la vicenda non era ancora nota, deduco che quando ci fu questo colloquio il ragazzo fosse ancora vivo”

La vicenda capitata al carabiniere è quindi solo l’ultima di nove anni di battaglie legali per accertare cosa successe veramente quella notte.

Scritto da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l’Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante

nave diciotti

Immigrazione in Italia: la nave Diciotti ancora ferma in mare

PHOTO-2018-06-19-06-59-59

Papa Francesco benedice il Parlamento della Legalità