Elezioni politiche 2018: le promesse miliardarie dei partiti

Elezioni Comunali 2018

E’ ufficialmente partito il conto alla rovescia per le elezioni politiche 2018. La data scelta dal Consiglio dei Ministri, successivamente allo scioglimento delle camere da parte del Presidente della Repubblica, è il 4 Marzo. Siamo quindi nel pieno della campagna elettorale che porterà alla formazione della XVIII legislatura a cui si aggiungono le elezioni amministrative,regionali e comunali. Che sia via tweet o in uno studio televisivo, tante – e talvolta assurde – sono le proposte e le promesse fatte ai cittadini.

ELEZIONI POLITICHE 2018, LE PROPOSTE MILIARDARIE

Sono cifre da capogiro quelle che servirebbero ai partiti per poter far fronte a tutte le promesse di questa campagna elettorale. Una cifra di circa 100 miliardi di euro sarebbe stata stimata per poter provvedere , ad esempio, ai tagli sulle tasse e all’aumento delle pensioni.

Andiamo però in ordine, esaminando le proposte fatte dai leader dei partiti in corsa alle elezioni.matteo-salvini

Iniziamo con Matteo Salvini il quale domanda a Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni di assumere come primo impegno l’abrogazione della legge Fornero. L’intervento, secondo l’Inps, costerebbe fino a 140 miliardi nel 2020. Salvini, inoltre, tramite un tweet ha fatto sapere di voler abolire l’obbligo del vaccino.

Lo stesso Berlusconi, per rimanere in tema, promette di portare le pensioni minime a 1000 euro qualora fosse eletto. Costo della manovra? 18 miliardi di euro, a cui si aggiungono i 6 miliardi necessari per tagliare il bollo auto.

Matteo Renzi Congresso Pd

Proseguiamo con Matteo Renzi. Il costo dell’estensione degli 80 euro alle famiglie potrebbe essere tra i 4 e i 6 miliardi, a seconda dei parametri. Lo stesso Renzi, attualmente, è al centro delle polemiche per l’ipotesi avanzata circa l’abolizione del canone Rai.

elezioni-grilliniAnche i grillini, con il loro reddito di cittadinanza M5s, comporterebbero una spesa che si aggira intorno ai 15 miliardi. Cifra che, secondo le stime di Renzi sarebbe ammonterebbe invece a 84 miliardi.

Il leader del partito Liberi e Uniti, Pietro Grasso, si fa avanti in questa sfilza di speranze con la promessa di cancellare le tasse universitarie.

Quante di queste promesse verranno mantenute è difficile dirlo. Promesse meno articolate ma concrete potrebbero però rinvigorire la speranza dei cittadini chiamati al voto per le elezioni del prossimo 4 Marzo.

Classe 1992, molisana e studentessa di Giurisprudenza. Aspirante giornalista con la passione per la cronaca ,specialmente nera.

Cosa ne pensi?

0 punti
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%