La porta Rossa premiato al Trieste ShorTS Festival

Domani un premio al regista de La porta rossa al Festival ShorTS International Film di Trieste. Nel cast anche Lino Guanciale.

La-Porta-Rossa

Domani a Trieste, all’interno del Festival ShorTS International Film, verrà premiato Carmine Elia, regista della fiction di rai due La porta rossa, con la motivazione di essere riuscito a far consocere le bellezze della città a milioni di telespettaotori.

La prima serie della fiction infatti ha ottenuto numeri da record e, da maggio, la città è nuovamente il  set delle avventure del Commissario Leonardo Cagliostro.

Nel cast troviamo Lino Guanciale (che interpreta appunto il protagonista maschile e che vedremo in rai a partire dal 20 settembre con la seconda stagione della serie Non dirlo al mio capo 2 insieme a Vanessa Incontrada, Chiara Francini, Sara Zanier e Aurora Ruffuno), Gabriella Pession è invece Anna, moglie del polizotto, Ettore Bassi interpreta il PM Antonio Piras. Tra gli altri troviamo Valentina Romani nei panni di Vanessa, Pierpaolo Spollon è invece Filip e Andrea Bosca veste i panni del fantasma Jonas.

La trama e lo sviluppo di La Porta Rossa

La prima stagione si è aperta con l’uccisione di Leonardo Cagliostro, l’uomo però non riesce a oltrepassare la porta rossa che segna il confine tra il regno dei vivi e quello dei morti e così resta a vagare, come fantasma, nella sua città. Incontra Vanessa, una giovane ragazza che riesce a parlare con i morti e che aiuta il poliziotto. La moglie di Cagliostro è infatti in pericolo di vita e l’uomo, insieme alla ragazza, deve salvare lei e la figlia che aspetta. La prima serie si era chiusa con molti interrogativi che, probabilmente, verranno svelati in questa seconda stagione che vedremo nel 2019.

Per prima cosa ci sarà la nascita della figlia di Leonardo e Anna e poi ancora, Cagliostro, vuole scoprire come mai Jonas non è riuscito ad oltrepassare la porta rossa. Il suo stato di coma vegetativo è stata la spiegaizone della prima serie ma, forse, anche l’uomo ha una missione da portare a termine tanto che le vite di Jonas e Cagliosto si incontreranno nuovamente.

Scritto da Silvestra Sorbera

Silvestra Sorbera, classe 1983, piemontese di origini siciliane, è una giornalista e autrice di racconti e romanzi. Ha pubblicato nel 2009 “La prima indagine del Commissario Livia” e a maggio del 2016 la seconda indagine dal titolo “I fiori rubati” con la casa editrice LazyBOOK.
Nel 2013 ha realizzato la favola per bambini “Simone e la rana”, e il saggio letterario – cinematografico “La forma dell’acqua. Camilleri tra letteratura e fiction”. Nel 2014 pubblica con la casa editrice LazyBOOK i racconti “Vita da sfollati” e a seguire “Sicilia” e “La guerra di Piera” e a dicembre 2016 il romanzo autobiografico “Diario per mio figlio”.
A giugno 2016 con la casa editrice PortoSeguo il romanzo “Sono qui per l’amore”. Nel 2017 pubblica il racconto lungo new adult “Un amore tra gli scogli” e la favola “Simone e la rana. Viaggio nel castello stregato”.

spadoniù

Recensione Afire Love: il libro di Melissa Spadoni

scandalo_sanità

Scandalo Sanità Basilicata: Che cos’è